Allenarsi in situazioni estreme di caldo, freddo o stress

Dato che ci teniamo molto alla tua salute, vogliamo metterti in guardia contro gli allenamenti svolti all’aria aperta con temperature estive o invernali estreme. Le alte temperature e la luce del sole diretta possono provocare gravi problemi alla circolazione, colpi di sole o altri danni alla salute. I sintomi possono variare da nausea, giramenti di testa, mal di testa, crampi e anche perdita di coordinazione e conoscenza. Quando il corpo viene esposto al caldo estremo, la pressione è tale che non è più in grado di mantenere il controllo degli stimoli dell’allenamento ed a convertirli in fattori benefici. Per cui quando le temperature estive cominciano a salire, cerca un posto al fresco per allenarti e prediligi le ore della mattina o della sera. Le ore migliori sono quelle del mattino presto, dato che l’aria è più fresca e le temperature più basse. E non scordarti che al di là del fatto che ti alleni o meno, è bene bere un litro di acqua in più al giorno.

Ma serve cautela anche in inverno: quando la temperatura scende ben al di sotto degli zero gradi centigradi non dovresti allenarti all’esterno. L’aria molto fredda provoca uno stimolo infiammatorio negli organi respiratori, rendendoli estremamente vulnerabili alle infezioni di qualsiasi tipo, inclusa la polmonite. Se senti dolore o ti viene la tosse quando respiri, è un segno palese che le tue vie respiratorie non tollerano il freddo. In questo caso non dovresti mai allenarti all’aria aperta. In più, il rischio di geloni al viso o di ipotermia in generale aumentano notevolmente. Se puoi, durante i mesi freddi allenati a mezzogiorno. A parte essere il momento più caldo della giornata, a mezzogiorno c’è una maggiore esposizione ai raggi del sole. Questo stimolerà la produzione di vitamina D, che è relativamente difficile da produrre in inverno. E in più ti metterà di buon umore! Troverai altri utili consigli su come allenarti in inverno nel nostro articolo.

 **I risultati individuali possono variare. Ogni persona ha un livello di esperienza, abitudini di allenamento e preferenze alimentari diverse, e troverà quindi riscontro circa le seguenti informazioni sulla base della sua situazione personale.

I servizi e le informazioni fornite nel contesto dei servizi Freeletics non costituiscono un consulto medico. Essi non equivalgono ad una visita medica o ad un trattamento. Se dovessi avere dubbi o domande relativamente al tuo stato di salute, ti consigliamo di consultare un medico, fisiatra, fisioterapista, dietologo, o qualsiasi altro operatore sanitario. Si prega di prendere in considerazione anche le nostre informazioni di salute nel paragrafo 4 dei nostri Termini e Condizioni.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 1 su 1